Archive for the Sana indignazione Category

Di come l’ebola ricevette il Tapiro d’oro

Posted in Fieri di essere italiani, Notizie e politica, Sana indignazione with tags , , , , on 09/10/2014 by DeadNature

Salve! Come state? Vi state godendo questo piacevole ottobre dal sapore quasi estivo, che quasi vi rende felici di non avere un tetto sopra alla testa? Mi auguro di sì. Nel mentre che la vecchia in fila davanti a voi si distrae e potete finalmente fregarle il portafoglio, eccomi qui a dilettarvi un po’. Intervengo a mente fredda (un modo elegante per dire che prima non avevo voglia, e comunque i post di questo blog sono classici senza tempo già appena pubblicati) sul recente evento foriero di ilarità per il web tutto. No, non il cane con l’ebola: Renzi che parla inglese.

Ahahah, hai sentito Renzi qua, sembra che dica culo in inglese, ahahahah, che tristezza, ma come siamo ridotti? Dai, facciamo un video spiritoso tipo “Renzi dice culo per dieci minuti”, sicuro diventa virale, e poi botta di visualizzazioni, intervista su Vice-Italia e retweet di Andrea Scanzi!

Queste critiche sarebbero pienamente condivisibili (no, in realtà no: Renzi era comprensibilissimo, con accento orribile, certo, ma dell’accento nulla frega a chi l’ascolta, mica è lì per duettare con Kevin Spacey)(che poi Renzi in cuor suo voglia duettare con Kevin Spacey, con Kevin Spacey come spalla, ovviamente, è un altro discorso), sarebbero pienamente condivisibili, dicevo, se non venissero da gente che, messa in un McDonald’s, per ordinare indica l’immagine e, se particolarmente vispa, biascica il numero corrispondente. E sto parlando del Mc Donald’s di Roma Termini, mica di quello di King’s Cross. Italiani, popolo di santi, navigatori, allenatori della Nazionale e maestri di dizione british. Sarà certamente una sfortunata coincidenza che accendendo la televisione o camminando per strada si senta un tripudio di consonanti a casaccio (per tacere della grammatica), accenti buttati alla rinfusa e stupri della dizione in genere. In italiano, ovviamente. Ma metteteli a parlare di Falkland e bondage con la regina Elisabetta, questi stessi individui, e non sapreste dire chi dei due è il madrelingua, potete giurarci.

Da cervello in fuga (faccio il magnaccia a Rovereto), mi sento poi particolarmente solidale con Renzi perché so bene come il cammino dell’italiano all’estero sia inevitabilmente tappezzato di luoghi comuni. Uno cerca invano di affrancarsi, di darsi un tono da uomo di mondo, da persona dalle molteplici (tre) sfaccettature, ma alla fine si ricade sempre sui cliché più triti. Ah, italiano? Italia, piastrelle di Sassuolo! Italia, Dora Baltea! Italia, dottor Balanzone! E tu lì che cerchi di spiegare che no, c’è un’Italia meno nota ma comunque bella, degna di rispetto, l’Italia della pizza, per fare un esempio (“it’s like bread, but with cheese and tomato… Come 0n, pizza! It’s famous in Italy, trust me!”), del mare (o “sea”), delle macchine veloci e delle belle donne. Ma niente, uno sguardo un po’ perplesso e poi di nuovo a chiedere consigli su con quale sugo si accompagnano meglio i pizzoccheri. E allora ancor più bravo Renzi a non perdere mai la calma e a continuare eroicamente la sua battaglia contro gli stereotipi, per un’Italia di nuovo protagonista nel mondo.

E visto che si parlava di Italia protagonista nel mondo, sarebbe stato ora lecito, se non opportuno, evitare di parlare delle Sentinelle in piedi, visto che fortunatamente già a Chiasso non se le caga nessuno. E per dirla tutta anche in Italia, visto che domenica, nelle “cento piazze” (che eran poi 68, ma quando si combatte per la Verità non si può star lì a guardare tutti i dettagli) si sono presentati in tutto in diecimila, non proprio cifre roboanti. L’unica cosa che poteva renderli popolari era trovare qualcuno così pirla da usare loro violenza. E così è stata: le Sentinelle in piedi non sono state picchiate abbastanza da piccole. Ringraziamo per questo (tra gli altri) gli anarchici di Rovereto, categoria folcloristica che non delude mai quando si tratta di dare alibi a operazioni discutibili. Comunque sia, vorrei evitare di dedicare troppo spazio a questa patetica cialtronata omofobica, ammantata di un vittimismo così ridicolo (“Ci vogliono impedire di dire cazzate!”) che giusto Adinolfi, quello che si crede anticonformista perché tifa Juve, poteva diventarne portabandiera. Mi limito a rimarcare, a futura memoria, che le Sentinelle in piedi sono l’esempio perfetto di come la ridicola equazione “leggere un libro = cultura”, anche nella sua variante pedagogica “Un libro qualsiasi, purché si legga” abbia fatto sulle menti di pongo più danni della grandine (frase fatta orrida che avrei evitato, avessi letto qualche libro in più. O fossi andato a letto con mia cugina, non so, devo chiedere alle Sentinelle).

Saluti

DeadNature

Annunci

Ci sono Toni Servillo, Giorgio Napolitano e Pulcinella in una pizzeria

Posted in Notizie e politica, Sana indignazione with tags , , on 22/02/2014 by DeadNature

Dedicare tempo a scrivere qualcosa su quest’avvicentissima polemica è una cosa malinconica, insensata e da depravati mentali, pertanto mi ci dedico con piacere.

Che cosa ci insegnano gli insulti alla Gialappa’s Band da parte di alcuni napoletani su Twitter e Facebook, a parte che esiste ancora la Gialappa’s Band? Tre cose.

La prima è che è ben triste la parabola di un trio satirico che ha fatto dell’irriverenza la sua bandiera (scusate se parlo come un articolo di Repubblica, è molto tardi) e che si riduce a elaborare inutili excusatio, quando l’unica cosa giusta da fare era solo perculare ulteriormente chi se l’è presa, o alternativamente fregarsene allegramente. Certo non mettersi a spiegare battute ovvie, per di più con una punteggiatura dadaista.

La seconda è che se sei un trio satirico irriverente, sì, ma anche di una certa età, forse dovresti evitare di fare troppo il giovane citando Twitter e Facebook ogni due per tre, ricordando ogni mezz’ora che la tua pagina “ha 400.000 mi piace” (ohh!), perché poi va a finire che Twitter e Facebook ti si rivoltano contro, e tu ci resti pure male, e passi due ore a spiegare l’ovvio, e insomma, vedi sopra.

La terza e più importante, infine, è che nel 2014 esistono ancora persone (se ne trova un’ampia selezione nei due link precedentemente riportati, se come me non avete niente di meglio da fare) totalmente prive di quella cosa che gente più brava di me chiamerebbe senso del tono. Persone talmente analfabete da non capire l’ovvio fatto che “chi se ne fotte della Terra dei Fuochi”, in quel contesto, vuol dire esattamente il contrario. Persone che alla fine ti fanno pensare: cazzo, gran teste questi napoletani.

E ora scusate, devo chiamare Toni Servillo per fargli i complimenti per l’Oscar (è già vinto Toni, ma comunque tanti auguri!).

Profeti a proprie spese

Posted in Musica, Sana indignazione with tags , , on 17/02/2013 by DeadNature

“Come tutti sanno
il pubblico fascista
non ha mai capito un cazzo di musica.
Si però i compagni
quando c’è da tirar fuori i soldi
tutto tace!”

(Elio e le Storie Tese, Come gli Area)

Palin? Odia

Posted in Sana indignazione with tags on 18/02/2011 by DeadNature

Che poi, uno va a una manifestazione, la trova buffa, ci fa su due battute. E basta, amici come prima.
Poi però uno prende un giornale a caso, poniamo L’Adige (mi scusino le signore). E, sempre ipoteticamente, va nella pagina delle lettere e vede un nome.

Francesco Agnoli*.

E allora si rende conto che il disagio psichico presenta sfaccettature davvero notevoli. Si vada dunque ad esaminare la lettera in questione.

Titolo: Silvio e il bunga bunga Perché in piazza solo ora? (e sin qua, nulla da eccepire)

Svolgimento (solo alcuni brani, è una colata di piombo degna di miglior causa):  “Perché […] solo <<ora>>? […] C’è un fine molto immediato da raggiungere?”(Ovviamente sì, le manifestazioni funzionano così. Vai tu da Francesco a spiegare queste cose? Io non ne ho voglia) “Cos’è successo di nuovo? Berlusconi ha dimostrato una pessima concezione della bellezza femminile?” (che modo elegante per dirlo! Pensa se fosse capitato a Prodi, di certo il professor Agnoli avrebbe usato la stessa raffinata perifrasi! Comunque il problema non è il via vai illimitato di zoccole e pseudo-tali da Arcore. Il problema sono i reati. Spiego l’ovvio al professor Agnoli, ma pure a molta gente che era in piazza domenica) “Un milione di persone non si era accorto di nulla, prima? […] La moralizzazione della società passa dall’additare un Unico, Grande, Immenso, Mitizzato Nemico da sconfiggere?” (ora, tralasciando la prosa da romanzo per l’infanzia di serie B, vorrei specificare questo: la moralizzazione della società è una tara mentale di Agnoli e i suoi, che vorrebbero in Italia una teocrazia. Ribaltare l’accusa è astuto, ma non funziona. Comunque il bello arriva adesso) “Perché solo ora, dunque? Perché non all’epoca di Cicciolina, la pornostar portata in parlamento col plauso di Emma Bonino, attuale vicepresidente del Senato in quota PD (contate con me: uno!)? In parlamento, si badi, non nonostante il proprio mestiere, ma proprio in nome di esso?” (Ci sono due risposte a quest’obiezione: la prima è Cazzo c’entra? e va bene per qualunque altra argomentazione di Agnoli, che del cazzocentrismo – argomenti apparentemente sensati, ma in realtà fuori discorso – è maestro. La seconda è la seguente: ci sono differenze tra la Minetti e Cicciolina, a parte che Cicciolina ha fatto film molto più belli? Ovviamente sì: Cicciolina non ha mai nascosto quello che faceva, ed è stata votata. La Minetti, per fare un nome, non è stata votata ed è consigliere regionale per motivi che avrebbe preferito restassero nascosti) “Perché non per contrastare le campagne mediatiche sozze (ahahah, vi giuro che l’ha scritto davvero! Sozze, ma ti prego, siamo nel 2011!) del radicale (due!) Toscani o di tanti altri (tipo?)? Perché non al tempo di Marrazzo, presidente PD (tre!) del Lazio, due mogli (come quell’altro, aspetta, come si chiamava? Dai, quello che fa il presidente del Consiglio!)(bel discorso, peraltro: Berlusconi è accusato di concussione e  rapporti sessuali con minori, trascurando il già citato via vai di zoccole. Ok, ma Marrazzo ha due mogli! Ehi, pure Berlusconi – e non escludo il tris! E vabbè, ma allora sei un bigotto!), transessuali e cocaina con l’auto blu (e non dimentichiamoci la pizza e il mandolino! Luoghi comuni a parte, Marrazzo si è dimesso subito. E non è mai stato indagato. Cosa bisognava fare, secondo Agnoli, scendere in piazza e chiederne il linciaggio?)()? O dopo l’affare Delbono (quattro! Dimessosi anche lui, e peraltro, anche qui, cazzo c’entra?), o dopo l’elezione di Vladimir Luxuria, icona della sinistra libertaria (cinque! Peraltro non si capisce perché le donne dovrebbero protestare per l’elezione della Luxuria. Mi pare una battaglia che dovrebbe unire tutte le persone di buonsenso)?”

Pausa, vi prego. Ho anch’io una vita.

* S’ì, lo so che il primo interrogativo è “Chi cazz’ è?”. Per questo vi ho messo la voce di Wikipedia (che si è scritto da solo, o almeno spero). Faccio notare il “critica le teorie dell’evoluzionismo”. Cioè è un ignorante. Ma ammantato di intellettualismo.

Ottemperare le omatite

Posted in Sana indignazione with tags on 06/12/2010 by DeadNature
Pss, Dead?
Che c’è?
Siamo noi! Da quanto tempo…Eravamo preoccupati!
Siete molto gentili, ma sto bene. Sono stato a lungo assente per ragioni contingenti.
Cioè?
Sbornia di Tequila.
Oh. Ma quindi non sei al corrente dei fatti recenti?
Certo che sono al corrente dei fatti recenti. Mi sono incontrato con Julian Assange a Sfruz (TN): è nascosto lì da un po’. Cavoli, 188 paesi che lo ricercano per stupro! Quella tipa doveva essere DAVVERO figa.
O magari nipote di Mubarak, ahah.
Non c’è niente da ridere, stronzi.
Scusa Dead.
Vabbè. Tornando alle cose serie, rieccomi qui. Questo blog è stato fermo un mese e mezzo, ma il mondo è andato avanti lo stesso. Del resto, non sono Matteo Bordone.
A proposito, ti è piaciuto X Factor?
Ho trovato molto interessante e innovativa l’ultima edizione di X Factor, anche se forse c’erano troppi elenchi.
Veramente quello era "Vieni via con me", il programma di Fazio e Saviano!
Fazio e Saviano hanno fatto un programma? La grande personalità minacciata dalla camorra e lo scrittore stempiato?
Ma quello minacciato dalla camorra è Saviano!
Ehi, a me Fazio l’ha raccontata così. Comunque non mi è piaciuto molto "Vieni via con me".
E chissenefrega Dead? L’hanno visto dieci milioni di persone, c’è ancora speranza in questo paese, l’ha detto pure Veltroni!
Perché, è tornato Veltroni?
Così parrebbe.
Benissimo (torna a bere Tequila).

La lungimiranza è un dono con molte consonanti

Posted in Sana indignazione with tags on 02/04/2010 by DeadNature
Buongiorno. Ricapitolando: il PD non ha perso, la Lega è calata, Grillo è irrilevante, l’UDC è fondamentale. Così almeno mi ha raccontato Bersani, in una piacevole serata (sorseggiavamo champagne sul ponte, mentre l’orchestra continuava a suonare). Quindi cosa sono quelle facce? Bisogna essere allegri, perché la vita e bella e l’Italia è ancor più bella!
Altra cosa che ho imparato in questa settimana: il sesso anale è stupro. Voi donne siete consenzienti? Non importa, è stupro lo stesso. E voi tutti siete dei brutti, brutti maschilisti. Non lo dico io, lo dice Natalia Poggi.E mica vi ho detto cazzo. Anche perché se l’avessi fatto sarei un maschilista schifoso, no?
Insomma, siamo arrivati a questo: l’Italia è definitivamente popolata da teste di minchia. "Oh, Dead, facci un elenco, sennò è un’accusa senza fondamento!" Oh, ragazzi, non posso far esaurire la banda a Windows Live!
Anzi, sapete che vi dico? Ve ne parlo un’altra volta
Ciao

Mai usare il catrame come olio solare

Posted in Sana indignazione with tags on 07/10/2008 by DeadNature
Salve. Ultimamente questo blog parla troppo di religione. Per farmi perdonare, stavolta mi dedicherò ad un argomento molto amato dai giovani (o almeno così mi dicono): il sesso. Come? Il Papa ha detto la sua sul sesso? Cavoli, mi ruba materiale e lettori così! Vabbè, ne parlo lo stesso. Come forse saprete, Benedetto XVI ha dichiarato che la dura opposizione della Chiesa Cattolica a qualsivoglia tipo di contraccettivo "non viene compresa dai fedeli". Il Papa non si capacita di ciò, e così anche i credenti. Intervistato dal Corriere della Sera (il giornale che è come Panorama, ma senza le donne nude), un sacerdote ha dichiarato:"Le coppie vengono ai corsi pre-matrimoniali e mi domandano perché il preservativo sia peccato, mentre il coito interrotto, la cui conclusione sbrigativa può essere considerata una mancanza di rispetto nei confronti della donna, sia consentito. Io rispondo che se nella coppia c’è accordo non vi è mancanza di rispetto verso la donna e che comunque bisogna evitare in tutti i casi la masturbazione."
Sì, avete letto bene, non ho inventato nulla (purtroppo: sarebbe stata una gag geniale). In ogni caso bisogna evitare la masturbazione.
"Dottore, ho il colesterolo alto, saranno i troppi hamburger?" "Se mangi meno di dieci hamburger al mese non è troppo grave; in ogni caso, evita assolutamente di vestirti di giallo fosforescente ai funerali!"
Ma la frase più bella del nostro amico sacerdote è alla fine dell’articolo:"Sono sconsolato, non capisco proprio perché i fedeli non ci seguano su queste tematiche!" Davvero inspiegabile…
Cambiando argomento, il denaro sta perdendo il suo valore. Un indizio di questo: in certe zone, si gioca a Monopoli con soldi veri. Valgono di meno. Ma non siate preoccupati, anche per questo c’è la soluzione! Benedetto XVI (che ha la risposta a qualunque domanda, soprattutto a quelle che nessuno fa. Dovrebbe fare l’opinionista a "Porta a porta"!) ve la spiega, facile facile:"I fatti drammatici di queste ore ci insegnano che l’unica solida certezza è Cristo!"
Traduzione: investite in fondi IOR.
Ciao