Archivio per aprile, 2015

Mamma, guarda quanto sono irriverente

Posted in Fieri di essere italiani, Notizie e politica on 11/04/2015 by DeadNature

Questo è l’editoriale che non leggerete domattina sul Foglio (non perché siete persone normali e quindi il Foglio non ve lo filate, ma perché me lo sono inventato io).

 

Cari lettori, tutti e tre,

come forse saprete la nostra ragione di vita è sempre stata prendere una posizione graziosamente anticonformista su qualunque tema dello scibile umano. Questo fa di noi un giornale talmente prevedibile da essere di fatto la parodia di se stesso, ma continua a dare a noi che scriviamo (e soprattutto a voi che leggete) quel brivido di piacere da “Io sì che la so lunga” senza il quale le nostre esistenze sarebbero quanto di più malinconico sia possibile immaginare, un eterno svegliarsi al mattino e trovare nell’altra metà del letto Anselma Dell’Olio.

Certo, rimaniamo pur sempre italiani, per cui irriverenti sì, irriverentissimi, ma la volta che la spariamo un po’ troppo grossa e la gente si incazza, lì subito ci ritraiamo impauriti, facciamo le vittime. Insomma si faceva per scherzare, ma possibile siate tutti così permalosi? E comunque anche se non dicevamo sul serio in un certo senso avevamo ragione noi, e poi delle foibe, com’è che nessuno parla? E poi non eravamo tutti Charlie, tana libera minchiate? Insomma un po’ di teatrino pietoso (alla Cruciani, non a caso citato nella nostra tirata), dopo tre giorni è tutto dimenticato, e via che si ricomincia.

Tutto questo premesso, pare che ieri, sospinti dal nostro irrefrenabile anticonformismo, abbiamo pubblicato una lettera di un no-global pentito che non era arrivata in redazione esattamente la mattina stessa. Ok,  per l’esattezza era un post di un blog di quattro anni fa. Ma capirete anche voi che era il giorno dopo la scoperta dell’acqua calda, cos’altro potevamo fare? Proporre De Gennaro senatore a vita? Pagare una medium per chiedere un parere a Cossiga? Tutta roba banale, ne converrete. Certo, avevamo scritto un editorialino nel nostro solito stile, le solite venti righe di cazzocentrismo, mescolando cose vagamente attinenti tra loro al solito scopo di convincervi che noi certamente siamo stronzi, ma non è che poi gli altri (chiunque essi siano) siano poi ‘sto granché, suvvia. Ma era una cosa un po’ di maniera, fiacca, “la polizia ha pestato gente che non centrava niente, però in fondo centrava”, voi ve lo siete bevuto e avete annuito con convinzione, ma noi sapevamo di poter dare di più. Allora ci siamo messi a googlare “G8 Genova no global cattivi”. E abbiamo trovato venti pagine di nostri articoli. Ma arrivati a pagina 21, ecco premiata la nostra perseveranza: un blog di un no-global pentito. Rapida lettura, grande apprezzamento, immediata pubblicazione, onore salvo. Perché parliamoci chiaro, quella lettera è così perfettamente nel nostro stile che non avremmo saputo fare di meglio neanche scrivendocela da soli.

Mucchi selvaggi di nemici generici, in modo da appiattire ogni differenza, anche le più ovvie, e ridurre tutto a un comune denominatore parodistico (“Cobas, no global, pacifisti, black block, papa boys, preti in borghese, missionari, boys scout, antagonisti, centrosocialisti, veterocomunisti, e insomma all’incirca le stesse persone dall’indole bonacciona che potresti incontrare alla marcia di Assisi o al raduno sindacale di Piazza Maggiore”, notate l’eleganza di buttare lì i black bloc, scritti pure sbagliati, in mezzo ai pacifisti e ai papa boys, che colpo di classe)(e anche l’uso dell’-ismo dispregiativo, adesso noi lo si sta rilanciando con omosessualismo, ma questo qui era un precursore).

Pasolinismi da quattro soldi (manifestanti e forze dell’ordine “Fratelli contro fratelli, come nella foto storica di Tano d’Amico”).

Ribaltamento dei ruoli (“L’amico che mi sedeva di fianco sul pullman è stato arrestato e detenuto una settimana nel carcere di Bolzaneto, subendo alcune percosse successivamente denunciate, esasperate, e portate all’attenzione dei media”. Insomma, va bene, ti hanno picchiato in carcere, ma lo devi andare a dire a tutti? Un po’ di amor proprio, no?).

L’uno che pretende di parlare per tutti, stile retorico anche noto come costanzamirianismo (“Io sono contenta di stare a casa mentre mio marito lavora, quindi per tutte le donne è così. Lascia stare che poi faccio duecento incontri all-anno in giro per l’Italia, e a ‘sti quattro nani rompiballe ci pensa la filippina”).

E poi il colpo di genio: “Eravamo a Genova senza un vero scopo […] aizzati dai media antagonisti, dalla trasmissione di Fabio Volo su MTV”. Ebbene sì, da tutta Europa vennero a Genova su un cargo battente bandiera FabioVolana. Questo è puro trademark Il Foglio: la stronzata così fuori-scala che il lettore non la percepisce come tale, ma anzi l’apprezza come grande verità controcorrente.

Insomma, è andata così. Oh, ma sapete che Saviano fa tanto il comunista ma poi gira con la Mercedes?

Annunci