Dài, ora vieni via da quel fiume!

22 aprile 1952: Magdi Allam (مصيدة للحمقى) nasce in Egitto, a Il Cairo.

1972: Magdi Allam si trasferisce in Italia.

Fine anni Novanta: Magdi Allam diventa editorialista di Repubblica, entrando a far parte, nel suo piccolo, della sterminata collezione di prove di acume e capacità previsionale di Eugenio Scalfari.

2003: Magdi Allam, diventato nel frattempo noto come “colui che dice cose che le dicesse Borghezio ci vergogneremmo per lui, ma è egiziano e musulmano, quindi pubblicarlo fa pluralismo” diventa vice-direttore del Corriere della Sera.

2006: Magdi Allam vince il premio Dan David, intascando 250 mila dollari. Motivazione:”per  il suo incessante lavoro mirante a favorire la comprensione e la tolleranza fra le culture”. L’anno successivo, il premio va ad Anna Maria Franzoni, “per il suo incessante lavoro mirante a favorire la crescita degli infanti e la serenità familiare”.

"Io amo l'Italia" Amerei anch'io un paese straniero che mi fa vice-direttore del primo quotidiano nazionale solo perché dico banalità razziste.

“Io amo l’Italia” Amerei anch’io un paese straniero che mi fa vice-direttore del primo quotidiano nazionale solo perché dico banalità razziste.

22 marzo 2008: Magdi Allam si converte al Cattolicesimo. Per tacciare i malfidenti che sospettano ci siano secondi fini, quali la ricerca di visibilità, alla base della decisione, Magdi fa sì che la conversione avvenga in tono minore, durante la Veglia Pasquale a San Pietro a Roma, ricevendo battesimo, comunione e cresima da Papa Benedetto XVI. Col battesimo, diviene Magdi Cristiano Allam. Evidentemente lo Spirito Santo non l’ha fornito di fantasia.

7 giugno 2009: grazie a un accordo con l’UDC, che lo candida come indipendente, Magdi Cristiano Allam viene eletto parlamentare europeo. A febbraio 2013, risulta essere 716° su 734 parlamentari per numero di presenze: e poi dicono che Dio non esiste.

28 novembre 2009: Magdi Cristiano Allam fonda il movimento politico “Io amo l’Italia”. Per dare subito un’idea della serietà dell’operazione… Beh, bastava Allam. Per darne ancora più un’idea, il simbolo è un disegno di Forattini.

"Oh, Magdi, e se invece ci scriviamo ALLAM AKBAR e ci metto te vestito da Papa? Fa ridere, no?" "Va benissimo questo, Giorgio."

“Oh, Magdi, e se invece ci scriviamo ALLAM AKBAR e ci metto te vestito da Papa? Fa ridere, no?” “Va benissimo questo, Giorgio.”

Maggio 2011 – Febbraio 2012: Allam colleziona tre condanne per diffamazione, due delle quali a danno di personaggi di fede islamica. Ma non preoccupatevi, per il risarcimento ci sono da parte i soldi del premio Dan David.

Luglio 2011: Magdi Cristiano Allam scrive un sublime editoriale in cui spiega con logica stringente perché la strage di Oslo ad opera del fanatico purista della razza Breivik sia stata causata dal multiculturalismo. Gli dedicai un affettuoso pensiero qui.

Febbraio 2013: 42.529 beoti (un mirabolante 0,12% dei votanti, peggio dei Freitheitlichen) si fanno abbindolare da Magdi Cristiano Allam e votano per Io amo l’Italia Pur essendo tutti omofobi pseudo-cattolici intolleranti, di lì a poco la prenderanno nel culo (scusate). Infatti…

25 marzo 2013: con un toccante articolo su Il Giornale, Magdi Cristiano Allam comunica al mondo che non è più cattolico perché, in sintesi, ci sono due Papi e nessuno dei due ha ancora bruciato una moschea. “Che ce ne facciamo di due Papi se stanno lì con le mani in mano?”, argomenta deluso Magdi Cristiano Allam. La notizia desta vivo stupore tra gli integralisti cattolici, che mai avrebbero potuto sospettare che un fanatico convertito potesse rivelarsi inaffidabile.

15 maggio 2013: dopo un sofferto periodo di silenzio, Magdi Cristiano Allam annuncia di essersi convertito all’ebraismo. Circoncisione e bar mitzvah avvengono a Gerusalemme, durante lo Shavuot. Magdi Cristiano cambia anche nome: ora è Magdi Abramo Allam.

6 agosto 2016: con un commovente articolo su Talmud Oggi, Magdi Abramo Allam comunica al mondo che abbandona la fede ebraica. Motivo dell’abbandono: durante la cerimonia inaugurale delle Olimpiadi di Rio de Janeiro, gli atleti israeliani non hanno aperto il fuoco su quelli dei paesi arabi. La debolezza di Israele sarà la causa della sua stessa rovina, profetizza Allam.

15 settembre 2016: dopo un’accurata fase di introspezione, Magdi Geova* Allam, già Magdi Abramo, già Magdi Cristiano, già Magdi, abbraccia il culto dei testimoni di Geova. Lo comunica lui stesso personalmente a un’infastidita coppia che aveva appena finito di amarsi, domenica mattina alle 7:30.

4 marzo 2021: con una lettera accorata a “La Torre di Guardia” (la prima lettera non inventata mai pubblicata dal giornale) Magdi Geova Allam spiega che è costretto a lasciare il culto dei testimoni di Geova. In un articolo di “Svegliatevi!” sul creazionismo, infatti, Magdi Geova non ha potuto fare a meno di notare come l’uomo in quanto tale (quindi non escludendo i musulmani) venisse descritto come vertice supremo della creazione, prova evidente contro l’evoluzionismo. I musulmani meglio delle scimmie? No, inaccettabile.

8 marzo 2021: dopo uno psicologicamente devastante weekend a Cortina, Magdi Tom Cruise Allam entra a far parte di Scientology. La notizia viene data a un ristretto gruppo di familiari durante una serata di gioco dei mimi.

2 febbraio 2029: con un post-it attaccato sulla fronte di Katie Holmes, Magdi Tom Cruise Allam rende noto che non fa più parte di Scientology. Fatto più unico che raro nella storia della setta, l’abbandono viene accolto con estremo sollievo.

3 febbraio 2029, sul presto: dopo una maratona di film di Renzo Martinelli (così, per rilassarsi un po’), Magdi Tom Cruise Allam aderisce alla Wicca. Dopo il rituale di purificazione e altre cose che non ho voglia di leggere da Wikipedia, Magdi Tom Cruise prende il nome di Magdi Harry Potter Allam.

28 novembre 2037: con un breve discorso a se stesso, Magdi Harry Potter lascia la Wicca, tenendo a precisare che questo non è dovuto al fatto che nei riti di ierogamia gli assegnano sempre le più cesse del gruppo, bensì alla debolezza mostrata dagli wiccan contro l’Islam. “A che serve disegnare tutto il giorno pentacoli, se non li tatuiamo mai in fronte ai musulmani, come marchio d’infamia?” teorizza giustamente Magdi Harry Potter (che torna ad essere Magdi e basta).

13 aprile 2041: sul letto di morte, Magdi Allam viene assalito da un dubbio:”Sarà mica che sono stronzo io?”

*: la battuta su Magdi Geova (scritta meglio) è di Luca Bottura. Io l’ho rubata e ci ho ricamato su. Voi leggete Bottura, che è bravo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: