Archivio per maggio, 2011

Esce in libreria “Il signore degli anelli” visto dalla parte dei cattivi. Perché anche l’Occhio vuole la sua parte

Posted in Attimi di umorismo disimpegnato with tags , on 18/05/2011 by DeadNature

Buonasera, rieccoci qui a parlare di cose vane, in attesa della morte, sempre più uguali a noi stessi. Un po’ come Woody Allen, ma la mia figlia adottiva è lesbica.
L’argomento di oggi non saranno le elezioni comunali: mi ero preparato un’analisi satirica, ma l’ho lasciata in macchina e Pisapia me l’ha fregata. Poco importa, non era un granché. Comunque sia, niente politica: al suo posto, un tema da questo blog poco trattato eppure meritevole di considerazione: la natura. Molti di voi formano le proprie conoscenze sulla natura basandosi sui documentari di Piero Angela (i conservatori), Alberto Angela (i giovani ribelli), Mario Tozzi (i comunisti sempre polemici) e Licia Colò (i maniaci che sperano sempre di vedere un documentario in cui Licia, per denunciare la piaga del riscaldamento globale scala, nuda e bollente, il Kilimangiaro, mentre un bonobo le viola il posteriore)(Forse sto eccedendo, ma lo faccio per aumentare i contatti). A qualsivoglia delle suddette categorie voi facciate parte (frase inutilmente contorta, ma sono fatto così), mi tocca rivelarvi una dolorosa verità: Essi sono una lobby, una lobby potente, che sottace (?) verità scomode sul mondo degli animali. Perché lo fa? Non ne ho idea, ma non ha importanza: quello che conta sono le

RIVELAZIONI SCOTTANTI DEL BLOG DI DEADNATURE SUGLI ANIMALI, APPARENTEMENTE CARINI MA INVECE MORTALI E VICEVERSA

1) L’aspide ha questa fama di animale spietato, che morde e ti ammazza e tanti saluti, ma è un equivoco: in realtà è tenerissimo e bisognoso di affetto. Pochi infatti sanno che l’aspide, dopo aver morso la sua vittima, si avvicina al corpo esanime e ci si struscia un po’, in cerca di coccole e affetto.

2) Milioni di documentari hanno inculcato nelle menti più fragili l’idea che il delfino sia animale di intelligenza sopraffina, ma questo è falso: messo di fronte a un televisore, il delfino mostra di divertirsi con Carlo Conti (e passi) ma pure con Pino Insegno (e questo non ha proprio difese).

3) Tutti dicono un gran bene del koala, ma ci sono prove assai solide che essi siano al servizio del male (come Sallusti, ma con più dignità) e addirittura del Maligno, della Bestia, di Satana, insomma. In ragione di ciò, ci sentiamo di sostenere la campagna promossa dal Santo Padre: mangiamo i koala prima che siano loro a mangiare noi (vedi foto allegata)! 

Sua Santità Benedetto XVI, ben conscio del potere demoniaco dei koala, non esita a mangiarne uno vivo.

4) Cani e gatti, in nome dei quali da molto tempo il mondo si divide in due fazioni, sono in realtà lo stesso animale visto da prospettive differenti. A smascherare l’inganno è stato Jebediah Prowlett, scemo del villaggio di Huntington, Utah, il cui strabismo divergente è stato per una volta motivo di vanto e non di scherno. Ora andranno avvertite, con la dovuta cautela, milioni di teenager e donne sensibili in generale.

5) I muli sono sterili perché consci del drammatico problema del sovraffollamento del globo. E tu continui a volerlo fare senza preservativo per dare un figlio a Dio! Come? Lo fai solo perché senza preservativo si gode molto di più? Allora va bene.

Annunci