Viaggio per ricevere almeno una cartolina

Salve, sono di nuovo qui. In questa mia lunga assenza ho a lungo viaggiato e vi ho sempre tenuto con me nel mio cuore. Tranne in quel bordello di Bratislava: lì la mia mente era altrove. Comunque, ecco a voi un piccolo resoconto delle mie speciali vacanze.
 
 
IL PICCOLO RESOCONTO DELLE SPECIALI VACANZE DI DEADNATURE – a cura di DeadNature
 
9 agosto
Partenza. La valigia contiene l’essenziale: magliette, biancheria intima e la mia collezione di vasetti di marmellata deformi. Non me ne separo mai. La destinazione, nel caso ve ne fregasse qualcosa, è Tallin, simpatica capitale dell’Estonia. In realtà dovevo andare alle Maldive, ma il tour operator ha capito male. O almeno così sostiene. Per risparmiare viaggio con una compagnia low cost, la vaticana "AssuntionAir". Il personale di bordo è tutto appartanente all’Opus Dei. L’aereo di per sè non è male, se si eccettua il cilicio a posto della cintura di sicurezza. Il viaggio è piacevole, a parte il piccolo ictus che coglie il mio vicino di posto, fulminandolo sull’istante. Nel male, il bene: posso finalmente utilizzare io il bracciolo che ci contendevamo dal decollo. Finalmente atterriamo: qualche scossone più del dovuto, ma questo è imputabile all’inesperienza del pilota, o forse alla sua ansia per l’imminente inizio della prima media. Atterrati a Tallin, una prima spiacevole sorpresa: i miei bagagli sono spariti. Vado all’ufficio reclami, furibondo: sul depliant c’era scritto bagagli danneggiati, non spariti! Non si fa così, perdiana! La ragazza seduta dietro la scrivania (una moretta dagli occhi spettacolari, se solo le avessi guardato gli occhi) si scusa per il disguido e mi offre una prestazione sessuale omaggio come rimborso. Ah no, perdonatemi: questa è una mia fantasia erotica. Comunque, appena uscito dall’aeroporto ritrovo le mie valigie sul banchetto di un venditore ambulante. Ci accordiamo sul prezzo: lui mi dà  dieci euro e l’affare è fatto. Arrivo in albergo e dormo dodici ore. Poi vado nella mia stanza e ne dormo altre dodici. Di fatto ciò fa sì che la mia visita a Tallin inizi solamente in data
 
11 agosto
Tallin è molto bella. Così mi dice il sindaco mentre fa scattare il tassametro. Gli credo sulla parola: i finestrini del taxi sono così sporchi che potrei essere indifferentemente a Tallin, Bangkok o Frosinone. Mi scarica sulla piazza principale: su di essa si affaccia la Chiesa di Sant’Olav, alta oltre cento metri. Notevole, considerato che è fatta di lego. (1. continua)
Annunci

2 Risposte to “Viaggio per ricevere almeno una cartolina”

  1. valentina Says:

    spero che la seconda parte arrivi davvero hihihi

  2. alessio Says:

    mi unisco anch\’io a questa speranza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: