Archivio per giugno, 2008

Il popolo è l’oppio della religione

Posted in Senza categoria with tags on 25/06/2008 by DeadNature

Salve! Quante cose si imparano guardando Studio Aperto! E non mi riferisco solo a interessantissime nozioni di ginecologia avanzata, ma anche alla cultura a tutto tondo. Oggi, ad esempio, ho scoperto che "Il Papa non veste Prada, ma Cristo." O almeno, così dice l’Osservatore Romano. Il Papa veste Cristo, emozionante! Sempre l’Osservatore Romano ha dichiarato che se Cristo tornasse oggi vestirebbe Versace Tra l’altro, domenica ho comprato da un ambulante un Cristo, ma credo proprio fosse contraffatto. Si è spento quasi subito, son passati tre giorni ma non dà segni di vita. E la mia festa a base di pane e pesce è stata un disastro.

Ciao
DeadNature

Vendesi continente. Astenesi perditempo

Posted in Senza categoria with tags on 24/06/2008 by DeadNature
IL FELICE PAESE FELICE (FIABA)
 
Vi era dunque un regno straordinariamente felice: il suo sovrano, Gimondi primo, chiamato così in onore di un elettrauto suo amico, era felice notte e giorno, il popolo cresceva in virtù e talento, e gli extracomunitari erano spariti in seguito a un simpatico momento di felicità, che l’invidiosa stampa straniera cercò di denigrare definendolo pogrom.
Un bel giorno, Re Gimondi passeggiava felice per il suo regno, canticchiando tra sè una canzone del più felice tra tutti i cantanti, Pupo. Era proprio impegnato in un immaginario assolo di chitarra quando s’accorse che, ai lati della strada, vi era un suddito che piangeva. Subito l’interrogò:
– Che ti succede, mio suddito? Perché non sei felice, come tutti dovrebbero essere in questo meraviglioso reame, ove la fanno da padrone felicità, allegria, amore e un rapporto deficit/PIL sorprendentemente basso, data la sfavorevole congiuntura economica?
– O, mio sire, tutto ciò è vero, ma purtroppo, cogliendo rose in questo roseto (da cui il nome), mi sono punto, e per questo ora mi dolgo!
– Dunque tu provi dolore?
– Sì, mio sire. Un poco.
– Perdiana, ma questo è inammissibile! Nessuno nel mio regno deve soffrire!
E, senza porre tempo in mezzo, lo fece impiccare. Sempre con grande letizia.
Poi in quel regno non successe più nulla per quarantadue anni, finchè un mercoledì il re s’alzò da letto d’umore straordinario e disse:
– Sento che questo sarà un giorno eccezionale per il mio regno! S’organizzi una festa di piazza!
Ciò detto stramazzò al suolo, fulminato da un infarto. Durante i funerali un violento terremoto devastò il paese non lasciando vivo che un asino, il quale però la sera stessa morì in un torneo di roulette russa.
E del paese felice nessuno sentì più parlare.

Traccia tre: Di mamma ce ne è una sola? Dì la tua

Posted in Senza categoria with tags on 12/06/2008 by DeadNature
Beh, buonasera. Ultimamente sono molto negligente, e me ne dispiaccio. Tuttavia, se sono stato assente per tutto questo tempo ho avuto i miei validi motivi: sono stato rapito dagli Ufo. Mi hanno lasciato andare dopo che li ho storditi a morte con le mie banalità. Ironicamente, è la stessa cosa capitatami con la mia ex. Comunque ora sono tornato tra voi, giusto in tempo per parlare di un argomento che mi sta molto a cuore: gli esami di maturità. So per certo che voi, mio giovane pubblico, siete in prevalenza liceali, simpatici, meravigliosi liceali, e io vi amo tutti, dal primo all’ultimo. Purtroppo, però, essere simpatici, meravigliosi liceali ha anche delle controindicazioni: tra queste, gli esami di maturità (anche l’acne giovanile, ma di più gli esami di maturità) (e comunque gli esami passano, l’acne giovanile resta. Ho una certa esperienza in materia.). Non intendo certo mitizzare gli esami di maturità: nella vita ci sono disgrazie peggiori e un sacco di gente c’è già passata senza fare tante scene. Tanta gente ma non me, per inciso: io di fronte alle grandi sfide della vita me la sono sempre cavata dispensando favori sessuali. Il che è stato piuttosto strano, alle elementari. E piuttosto imbarazzante, alla cresima. Comunque… Basta parlare di me! Piuttosto, un po’ di utili consigli per superare ‘sti benedetti esami e andare al mare a limonare in allegria.
 
GLI UTILI CONSIGLI DI DEADNATURE PER SUPERARE ‘STI BENEDETTI ESAMI E ANDARE AL MARE A LIMONARE IN ALLEGRIA
 

– Prima prova: tema di italiano. Tasso di difficoltà: 1/10. Parliamoci chiaro: quattro banalità in croce le sanno scrivere tutti (e questo blog ne è direi l’esempio più calzante) e non sarete certo voi a fare eccezione, suvvia!  Comunque, alcune efficaci dritte:
1. Usate parole difficili. Non ne sapete il significato? Chissenefrega: con tutta probabilità, il vostro insegnante sarà nelle vostre stesse condizioni. E, in più, sarà quasi sicuramente vestito in maniera più ridicola della vostra. A meno che voi non siate un EMO, chiaramente. Comunque, ecco a voi una lista di parole difficili: precipuamente, decontestualizzato, peregrina, lapalissiano.
2. Dite quello che il prof vuole sentirsi dire: se il tema parla dell’amicizia (ed è probabile, visto che si sa che a noi giovani l’amicizia ci piace), sbrodolare tre paginette sul valore delle differenze che si sommano, delle difficoltà da superare assieme, dei sorrisi che valgono più di mille parole, eccetera eccetera. Se si parla d’ambiente, infervoratevi sulla gioventù unica speranza del futuro; siete arrivati a scuola in Suv? Chissenefrega, non è mica un esame di coerenza! Dai, siate seri!

Ciao
Stefano
(1. Continua)

Non tutte le cose sono due

Posted in Senza categoria with tags on 04/06/2008 by DeadNature
Salve. Sì, sono ancora vivo. Mi spiace. Per tenere attivo questo meraviglioso blog, una simpatica facezia.
Qual è il colmo per un pediatra? Avere un Cronografo.
No, non ho fatto il classico.
 
Ciao
Stefano