Archivio per maggio, 2008

Si sta/ come d’autunno/ in spiaggia/ gli ombrelloni

Posted in Senza categoria with tags on 23/05/2008 by DeadNature
Salve. Oggi ci occuperemo di un’arte sino ad ora ingiustamente bistrattata: la poesia. Regole per una bella poesia (insegnatemi da un idraulico di Cuneo ingiustamente snobbato dalle case editrici, ma con un grande cuore. E un basso fatturato.): andare a capo a casaccio; trattare temi di nessun interesse; usare almeno una parola lunga. Sembra facile, ci provo.
 
 
ODE ALL’ACCA
Vorrei oggi parlare
dell’acca,
o meglio,
all’acca.
Cara acca,
tu sei molto trascurata:
ci sei,
non ci sei,
è uguale,
dicono i più.
Non sono d’accordo:
infatti l’altro giorno
mio zio
sul tetto di un ospedale
non ha capito
un’acca
ed è stato travolto
dall’elicottero soccorritore.
Capito che roba?
Quindi, amica acca
gira pure a testa alta!
 
Ciao
Stefano (che si scusa con Elio e le Storie Tese per l’evidente plagio)
Annunci

Consigli per una corretta postura: piegate quelle ginocchia!

Posted in Senza categoria with tags on 16/05/2008 by DeadNature

Oh, buongiorno! Rieccomi a voi, pronto a riversare simpatia e amore sui vostri giovani corpi bramanti. Nell’ambito di un processo di ristrutturazione culturale messo in atto dal nostro nuovo governo, questo blog ospita oggi una rubrica chiamata -invero piuttosto didascalicamente- "Correzione refusi storici". Andremo cioè a riportare la verità laddove l’oscurantismo comunista ha deliberatamente voluto vi fossero le tenebre della menzogna. No, non ringraziateci: è il nostro dovere. E con nostro intendo mio, di quella grande personalità storica che è Marcello Dell’Utri e di quel gigante del pensiero cattolico che risponde al nome di Magdi Cristiano Allam; sono onorato della collaborazione di questi due mostri sacri al mio umile blog.

CORREZIONE REFUSI STORICI: UN ATTO DOVUTO ALLA STORIA E A GESU’

  1. I partigiani uccidevano i preti, i ragazzi del RSI sono degli eroi. E con questo il periodo ’43-’45 può dirsi chiuso. Chiuso, chiaro?
  2. Gli illuministi parlavano tanto, però alla fine Voltaire amava fare l’amore nel sedere agli asini. Ci sono le prove.
  3. Il nazismo fu colpa di un centinaio di pazzi crudeli che incantarono i tedeschi con un maleficio, forse la celebre maledizione Imperio. Per questo Papa Benedetto XVI ce l’ha tanto con Harry Potter. Harry Potter che diverse foto occultate dalla propaganda mago-comunista vedono ritratto a fianco di Himmler, per dire.
  4. La mafia non esiste. O, se esiste, in Sicilia non c’è. O, se per caso dovesse esserci in Sicilia, non è cattiva. Diciamo che è… Introversa, ecco. Cosa facciamo, ce la prendiamo con gli introversi, adesso? No, dico, ce la prendiamo con gli introversi? Dai, dai…
  5. Nel 1935, Papa Pio XII sventò, in totale solitudine, un complotto omosessuale per la conquista del mondo. Per questo adesso i gay ce l’hanno tanto con la Chiesa.
  6. Nel 1992 i giudici volevano prendere il potere in Italia, mettendo in prigione tante brave persone che amavano il loro paese. Per nostra fortuna, Silvio Berlusconi, animato dal suo instancabile bisogno di fare del bene, scese in campo e vinse le elezioni. Da allora, nonostante qualche resistenza, i giudici fanno i bravi e mettono in galera solo negri e arabi. E ci mancherebbe altro!
  7. Peppino Impastato si è suicidato. Questo "il Giornale" lo scriveva davvero solo qualche anno fa, quindi dev’essere vero per forza. E d’altra parte, chi dovrebbe averlo poi ucciso? Per eventuali obiezioni, vedi punto 4.
  8. Marco Travaglio è pagato dalla mafia per attaccare tanti politici onesti che fanno solo del bene alla Sicilia. E anche questo l’ha scritto due giorni fa "la Repubblica", quindi ci crediamo. Come dite, la mafia non esiste? In questo caso invece sì.
  9. Tutti questi immigrati devono capire che noi italiani non ce l’abbiamo con loro, però noi non siamo mai andati a rompere le palle in casa d’altri, tanto meno portando criminalità e delinquenza. D’altra parte, come avremmo potuto? Siamo cristiani, mica musulmani retrogradi!

Per ora basta così, a presto per altre doverose correzioni!

Stefano, Marcello, Magdi Cristiano

“Son passati trent’anni…” “Sembra ieri che ancora ci si indignava per qualcosa…”

Posted in Senza categoria with tags on 09/05/2008 by DeadNature
Trent’anni fa la mafia uccideva Peppino Impastato, giovane di Cinisi col vizio della libertà. Combatteva per una Sicilia migliore, libera finalmente da quel sistema fondato sulla paura che allora, come oggi, la controllava.
 
Il nuovo presidente del consiglio italiano ha recentemente definito "un eroe" Vittorio Mangano, condannato all’ergastolo per mafia: Mangano era quello che ammazzava (letteralmente) a mani nude i nemici dei Corleonesi. Il tutto senza mai ricorrere a un callifugo: un vero eroe.
 
Peppino, ne è valsa davvero la pena?
 
I CENTO PASSI, MODENA CITY RAMBLERS
 
"Sei andato a scuola?Sai contare?""Come contare?""Come contare?1,2,3,4,sai contare?""Si,so contare""Sai camminare?""So camminare""E contare e camminare insieme lo sai fare?""Si!Penso di si!""Allora forza!Conta e cammina!dai… 1,2,3,4,5,6,7,8…""Dove stiamo andando?""Forza!Conta e cammina!9… 90,91,92,93,94,95,96,97,98,99 e 100!Lo sai chi ci abita qua?A?U zù Tanu ci abita qua!!""Cento passi ci sono da casa nostra,cento passi!"
(tratto dal film "I cento passi" di M.T.Giordana)

E’ nato nella terra dei vespri e degli aranci, tra Cinisi e Palermo parlava alla sua radio..
Negli occhi si leggeva la voglia di cambiare, la voglia di Giustizia che lo portò a lottare..
Aveva un cognome ingombrante e rispettato, di certo in quell’ambiente da lui poco onorato..
Si sa dove si nasce ma non come si muore e non se un’ideale ti porterà dolore..
"Ma la tua vita adesso puoi cambiare solo se sei disposto a camminare, gridando forte senza aver paura
contando cento passi lungo la tua strada"..
Allora.. 1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!

"Noi ci dobbiamo ribellare" (dal film)

Poteva come tanti scegliere e partire, invece lui decise di restare..
Gli amici, la politica, la lotta del partito.. alle elezioni si era candidato..
Diceva da vicino li avrebbe controllati, ma poi non ebbe tempo perchè venne ammazzato..
Il nome di suo padre nella notte non è servito, gli amici disperati non l’hanno più trovato..
"Allora dimmi se tu sai contare, dimmi se sai anche camminare, contare, camminare insieme a cantare
la storia di Peppino e degli amici siciliani"
Allora.. 1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!

Era la notte buia dello Stato Italiano, quella del nove maggio settantotto..
La notte di via Caetani, del corpo di Aldo Moro, l’alba dei funerali di uno stato..
"Allora dimmi se tu sai contare, dimmi se sai anche camminare, contare, camminare insieme a cantare
la storia di Peppino e degli amici siciliani"..
Allora.. 1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!..1,2,3,4,5,10,100 passi!

Ciao

Stefano

Triste, solitario e di sinistra. Ma odio ripetermi

Posted in Senza categoria with tags on 06/05/2008 by DeadNature
Oh, salve. Belle cose dal mondo, tutte per voi.
 
  • Cinque ventenni che si rapano a zero per apparire più virili hanno ucciso un ragazzo a pugni. Si stavano esercitando per le nuove ronde.
  • Per Gianfranco Fini manifestare dissenso politico bruciando le bandiere di Israele è più grave di ammazzare a pugni una persona. Mi sbaglierò, ma credo che molte camicie nere stiano uscendo dagli armadi, in questo periodo.
  • La Birmania devastata da un ciclone. Colpa dei monaci, per il regime. Colpa del regime, per l’Onu. "Scusate, tutto ciò è avvincente, ma noi qui muoriamo a migliaia. Chi ci aiuta?" "Non rompere i coglioni, birmano. C’è prima da attribuire le responsabilità. E poi ora è molto più trendy indignarsi per il Tibet."
  • Dopo la pubblicazione dei redditi online, cambiano i sogni dei bambini: in testa alle preferenze lavorative per il futuro ci sono le professioni di insegnante e operaio. Chiudono la classifica notai, idraulici e dentisti. "Non vogliamo mica morire di fame." Hanno commentato i fanciulli.
Ciao
Stefano
 

Non pagare paga

Posted in Sana indignazione with tags on 02/05/2008 by DeadNature
Beh, salve. No, non vi preoccupate, stavolta niente racconti sui fatti miei. Stavolta solite tirate pseudo-ideologiche tanto per riempire dieci righe. L’argomento di oggi è: Internet, meraviglioso esempio di democrazia dal basso. Relatore: Beppe Grillo. Prego, a lei la parola.
 
"Informazione libera in libero Stato."
(slogan del secondo Vaffanculo Day, 25 aprile 2008)
 
"L’agenzia delle entrate ha messo on line tutti i redditi dichiarati dai cittadini italiani nel 2005. Chiunque può accedere liberamente, senza essere identificato.Gli è stato suggerito dalla Ndrangheta, dalla Mafia, dalla Camorra e dalla Sacra Corona Unita. Padoa Schioppa e Visco, con la benedizione di Prodi e del centro sinistra unido che mai sera vencido, hanno eseguito. I rapimenti di persone saranno facilitati, il pizzo potrà essere proporzionato al reddito dichiarato. La criminalità organizzata non dovrà più indagare, presumere. Potrà andare a colpo sicuro collegandosi al sito dell’agenzia delle entrate.
(…)
Follia, questa è follia. (…) Pagare le tasse così è troppo pericoloso, meglio una condanna per evasione fiscale che una coltellata o un rapimento."
(Beppe Grillo, 30 aprile 2008.)
 
Faccio solo una piccola precisazione: quest’intervento non mi è stato suggerito dalla Ndrangheta, né dalla Mafia, né dalla Camorra, né dalla Sacra Corona Unita. Così, tanto per essere chiari.
 
Ciao
Stefano