Ho sposato il figlio di Berlusconi. Cucina malissimo, però è tanto ricco

Buongiorno! Sì, sono ancora io. Sì, sono passati solo tre giorni dal mio precedente intervento. Che ci volete fare, la creatività è così: a volte c’è a volte non c’è. Ma basta parlare di me e passiamo alle cose davvero importanti: forse non tutti voi lo sapete, ma tra un mese esatto si terranno le elezioni. Sì, in Italia. Sì, è candidato Berlusconi. Di nuovo. A volte mi domando come reagirebbe un individuo entrato in coma nel 1994 e uscitone oggi: immagino penserebbe "Ok, ho perso i migliori anni della mia vita, mia moglie mi ha lasciato, i miei genitori sono morti, mio figlio giocava col triciclo e adesso si fa di ero ma -quantomeno!- non corro più il rischio di avere Silvio Berlusconi come premier!" Infermieri? Non date giornali a quell’uomo, per favore. Non subito, quantomeno: aspettate ancora un po’. Quanto? Diciamo un ventennio.
Ebbene sì, Berlusconi è di nuovo candidato premier, "contro il vecchiume comunista, contro i professionisti della politica." Suo principale alleato: Gianfranco Fini. Uno che faceva politica quando ancora Berlusconi era solo un umile imprenditore brianzolo. Iscritto alla P2 e invischiato con la mafia, ma comunque un umile imprenditore brianzolo. Fini, che tenerezza mi fa: a novembre Berlusconi fonda il Popolo delle Libertà e rompe con Fini e Casini (ve lo ricordo perché sono passati quattro mesi: un’eternità, in Italia.). Fini, durissimo, tuona:"Berlusconi è vecchio, finito, noi siamo il nuovo e non saliamo sul suo carrozzone!" Passa un po’ di tempo, Berlusconi si avvicina a Fini. gli sussurra qualcosa in un orecchio e sorride. Fini resta lì un po’ instupidito, poi tuona:"Veltroni è vecchio, finito, noi siamo il nuovo e non saliamo sul suo carrozzone!" E così Forza Italia e AN si alleano e nasce il Popolo delle Libertà: una cosa così finta che persino i commercianti cinesi ne hanno preso le distanze. Nel frattempo, Fini dichiara ai giornali:"Qualche tempo fa ho parlato con Berlusconi, e lui ha convenuto con me sulla necessità di fare il Popolo della Libertà." Sì, ha detto proprio così: ha convenuto con me. Che sarebbe come un agnello che dice:"Ho parlato con il cuoco e lui ha convenuto con me sulla necessità di cucinarmi arrosto per Pasqua." Fini, Fini: non vi fa tenerezza?
Nella prossima puntata: intervista a Silvio Berlusconi!
Ciao
DeadNature
Annunci

Una Risposta to “Ho sposato il figlio di Berlusconi. Cucina malissimo, però è tanto ricco”

  1. alessio Says:

    Per me esiste solo quello dei tortellini, Fini intendo. Chiuderei qui. ps:sui post vecchi, come al solito voto 10+, come il pollo amadori.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: